Chi Siamo

Vallo di Diano e Tanagro

Progetto di Dibattito Pubblico

Progetto di Dibattito Pubblico

Diga di Casalbuono & Diga di Montesano sulla Marcellana

Vallo di Diano e Tanagro

Dibattito Pubblico

Cos’è

E’ un procedimento normativamente previsto che consente al proponente di presentare il progetto, e per gli interessati di esprimere osservazioni.

Partecipazione aperta

È un’opportunità per chiunque di presentare idee, critiche, osservazioni, riflessioni e temi da considerare per il miglioramento del progetto.

Scambio di informazioni

Funge da piattaforma per il confronto pubblico, permettendo un dialogo costruttivo tra il Consorzio e la comunità interessata.

Limitazioni

Non è un consesso deliberativo, quindi non prevede decisioni finali o votazioni sull’opera discussa.

Ruolo e natura

Funziona come un’agorà moderna, un luogo dedicato alla parola, al dialogo, al confronto e alla libertà di espressione.

Potere e finalità

Esercita un potere argomentativo e persuasivo, funge da stimolo alla riflessione e segue i principi della soft law.

Vallo di Diano e Tanagro

Il progetto del dibattito pubblico

Il progetto del dibattito, a cura del Responsabile, è la pianificazione e programmazione dello svolgimento degli incontri e delle modalità di comunicazione e diffusione.

  • Il dibattito è stato pianificato mediante una prima interlocuzione con i Sindaci dei due Comuni sede delle due dighe, nonché – in conformità alla Raccomandazione n. 3 della Commissione Nazionale Dibattito Pubblico – attraverso una fase di consultazione preliminare in cui 79 soggetti destinatari, tra Istituzioni, Enti, Associazioni e privati, portatori di interessi potenzialmente interferenti con le opere (paesaggio, ambiente, sicurezza, ecc.), sono stati informati del procedimento partecipativo, consentendo l’accesso al DOCFAP via link”.

  • Le finalità e la procedura del dibattito vengono presentati attraverso una conferenza stampa del 4/3/2024, in cui è illustrato il progetto di dibattito.

  • In ogni incontro, a partecipazione facilitata da un apposito mediatore, è possibile intervenire ed eventualmente lasciare contributi scritti, così come su questo sito.

I due pilastri del dibattito comunicazione e partecipazione

logo-04
logo-02

PILASTRO 1

Comunicazione

Il dibattito si avvale di diversi strumenti per garantire una comunicazione chiara e inclusiva

• Social Media: Canali come Facebook, Twitter e Instagram ampliano la portata del dibattito, rendendo le informazioni facilmente accessibili e condivisibili.

• Incontri pubblici: Sia online che di persona, questi eventi rappresentano momenti cruciali per la diffusione di informazioni sulle opere proposte e per il coinvolgimento diretto dei cittadini.

PILASTRO 2

Partecipazione

Sotto la guida del principio “Libertà è partecipazione” di Giorgio Gaber, il progetto incoraggia un coinvolgimento attivo attraverso l’uso degli strumenti di comunicazione, garantendo la massima accessibilità a tutti.

• Il sito web non solo funge da hub informativo ma permette anche ai cittadini di inviare osservazioni e contributi, favorendo un dialogo costruttivo.

• Durante gli incontri, la partecipazione diretta è fortemente incoraggiata, offrendo a tutti la possibilità di esprimere liberamente le proprie opinioni e suggerimenti.

• L’approccio ispiratore dell’Ufficio del Responsabile del dibattito si riflette nel motto: “Lasciamoci sorprendere: ogni idea è sempre una buona idea”, che sottolinea l’importanza della libertà di espressione e del valore di ogni contributo alla discussione.

Unendo Voci, Creando Futuro

Il Team

Insieme tessiamo il tessuto del dialogo, unendo diversità e visioni per una comunità più forte e coesa.

Beniamino Curcio

PRESIDENTE

Gennaro Mosca

COORDINATORE – RESPONSABILE

Domenico Macellaro

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Carlo Silvestri

PROJECT MANAGER

Mariano Lucio Alliegro

DIRETTORE ESECUZIONE CONTRATTO

Erminio Cioffi

ADDETTO STAMPA

Cecile Cremer

VICE PROJECT MANAGER

Marco Lora

VICE PROJECT MANAGER

La Storia

Vallo di Diano & Tanagro

Comprensorio

Vallo di Diano è il nome dell’ampia pianura costituente la depressione valliva compresa nel bacino idrografico del fiume Calore – Tanagro; parte della stazione idrometrica di Molino – Maltempo a Polla ed arriva fino all’estremo sud della provincia di Salerno. Il territorio è circondato ed est dalle catene montuose della Maddalena e, ad ovest, da quelle del Cilento, i cui massicci calcari vanno adagiandosi sulla stretta vallata sottostante attraverso una cintura pedemontana su cui sono sorti nei secoli vari insediamenti abitativi.

Il comprensorio di bonifica integrale Tanagro, nel quale opera il Consorzio di bonifica integrale Vallo di Diano e Tanagro, ha una superficie territoriale totale di Ha 104.980 che ricadono nella Provincia di Salerno in 30 Comuni della Provincia di Salerno di cui il territorio comunale rientra anche parzialmente nel bacino idrografico del fiume Tanagro e quindi nel comprensorio di bonifica integrale Tanagro.

Non si discute per aver ragione, ma per capire.

Incontri

4 marzo 2024, 9.30

Presentazione del Dibattito

Centro di Telecontrollo Consortile di Padula – loc. Tempone

Online

Per partecipare all’evento in diretta è necessario dare preventivamente il consenso all’informativa privacy del Dibattito Pubblico compilando il modulo di registrazione e iscrizione:

COMPILA MODULO

Informativa sulla privacy

4 aprile 2024, 18.00

Il progetto sul territorio

Casalbuono

5 aprile 2024, 18.00

Il progetto sul territorio

Montesano S/M

17 aprile 2024, 10.00

Incontro con Enti e Associazioni di categoria: Il Progetto, impatti, prospettive, opportunità

Sede consortile decentrata di PADULA (SA)

6 maggio 2024, 10.00

Presentazione quaderno osservazioni

Online

18 giugno 2024, 10.00

Presentazione Documento delle risposte

Online